Il Venezuela compra 71 tonnellate di carta per stampare più contanti

Il governo del Venezuela sta acquistando tonnellate di carta – letteralmente- per stampare enormi quantità di denaro contante… Ma altri governi stanno facendo la stessa cosa.

Il governo del Venezuela non sa cos’altro fare per controllare la sua economia e sta cercando di salvare la sua vita finanziaria facendo quello che stanno facendo tutti i governi del mondo: stampare più soldi… Molti soldi.

Fonti vicine al governo venezuelano hanno rivelato che la Banca Centrale del Paese ha appena acquistato 71 tonnellate di carta per stampare denaro. Gli esperti ritengono che questa nuova partita di carta soddisferà la domanda del Paese di banconote del più alto taglio possibile: 100.000 Bolivar sovrani -o l’equivalente di 0,22 dollari, secondo i dati ufficiali.

Atención🔵||| El tipo de cambio publicado por el BCV es el promedio ponderado de las operaciones de las mesas de cambio de las instituciones bancarias. Al cierre de la jornada del lunes 05-10-2020, los resultados son:#MercadoCambiario #BCV🇻🇪 pic.twitter.com/OxniHa6rBa

– Banco Central de Venezuela (@BCV_ORG_VE) 5 ottobre 2020

Il denaro che cade dal cielo

La decisione non è sorprendente. Il governo non è riuscito a riprendersi da una crisi economica causata da una dipendenza quasi esclusiva dal petrolio, una delle amministrazioni più corrotte del pianeta, e da una dozzina di sanzioni unilaterali imposte dagli Stati Uniti per „accelerare il crollo e causare un periodo di sofferenza di mesi o anni“ al popolo venezuelano.

Nonostante le sanzioni, il Venezuela è praticamente dollarizzato. Le banche non hanno denaro da dare e le banconote vengono contrabbandate in molte zone del Paese. In alcuni luoghi si è fatto ricorso alla vendita di denaro contante: Una persona ha trasferito 10 milioni su un conto bancario e ne ha ricevuti 7 milioni in contanti. Tuttavia, questa pratica non è così comune oggi come lo era prima.

Sembra che i venezuelani siano abituati a vivere in una società senza contanti. Una con una cattiva connessione internet che spesso rende i trasferimenti bancari così difficili che diverse città di confine accettano pagamenti in valuta estera o anche in oro e il dollaro è quasi la valuta più diffusa nel paese.

La gente spesso usa le banconote per giocare e fare prodotti artigianali come borse, cappelli e tappeti. L’uso del denaro contante come denaro vero ha meno senso ogni giorno nel paese.

Qué tal? pic.twitter.com/qgnx6B0dyB

– Miguel H Otero (@miguelhotero) 14 aprile 2019

Venezuela e Stati Uniti stampano più soldi che mai

Ma il resto del mondo dovrebbe aspettare un minuto prima di lamentarsi della situazione in Venezuela. Gli Stati Uniti stanno facendo molto meglio del paese sudamericano; e ancora, l’amministrazione Trump attua praticamente la stessa strategia del regime che critica così fortemente.

Durante la pandemia di coronavirus, la Federal Reserve ha stampato quasi un milione di dollari al secondo, e il debito è attualmente ai massimi storici, impossibili da pagare a breve termine.

Se qualcuno vuole seguire l’evoluzione del debito statunitense in tempo reale, il sito di metriche del Debt Clock serve ad aprire gli occhi.

Le crittocorse possono aiutare a ripristinare il sistema finanziario mondiale

Le politiche di quantitative easing e altre forme di „dare via il denaro“ sono state continuamente criticate dalla comunità dei crittografi. Satoshi ha inventato il Bitcoin Evolution durante una crisi simile a quella attuale in cui viviamo e non si è mai sognato di scambi, di ETF pomposi o di custodi istituzionali di BTC. Ha creato il Bitcoin in modo che la gente potesse controllare il proprio denaro ed essere sicura che nessuno potesse manipolare i propri beni.

Non ci saranno mai più di 21 milioni di Bitcoin, e nessuno può emettere più gettoni. La moneta è decentralizzata, e non c’è nessuna banca o governo a sostenerla. Dipende dalla fiducia della gente… così come la gente si fida di un dollaro, un euro o un bolivar può comprare quello che può comprare.

In uno scenario di sanzioni e corruzione, il Venezuela sta cercando – a modo suo – di sfruttare le tecnologie a catena: Il Petro è nato come un tentativo di avere soldi che non sono stati sanzionati da governi esterni, e anche se non ha funzionato, è servito anche a identificare alcuni errori.

Di conseguenza, il decentramento è ora più attraente per il Paese. Recentemente il Venezuela ha approvato la sua prima „DeFi ufficiale“, una Borsa completamente decentralizzata, che funziona nella catena di blocco dell’Ethereum.

Questa piattaforma permette ai trader di scambiare legalmente strumenti tradizionali come materie prime, obbligazioni, azioni e valute in una catena di blocco, aprendo un nuovo mondo di possibilità per stimolare l’economia.

Non è facile sapere se funzionerà, ma forse in futuro, ci sarebbe un Bolivar digitale che gira su una catena di blocco decentrata… Questo risparmierebbe sicuramente molti alberi.